Manovra Avanti

L’attenzione ora si sposta in Giappone, ma in  Libia la tensione rimane sempre alta. Per non parlare delle proteste che si preparano in Arabia Saudita.

Ce ne sarebbe quanto basta per far scendere le borse e salire l’ottimismo. Infatti è proprio così, ma i supporti ora si cominciano a far vedere e la lista della spesa si allunga.

Spostiamoci quindi dal lato degli acquisti cominciando a puntare qualche buona occasione (Giappone incluso) per il medio termine. Gli short verranno chiusi progressivamente.

 

Leggi

Balletto sui massimi

Il mese di marzo si apre nell’incertezza, a causa della crisi nel Mediterraneo, che ha come punta di attenzione la Libia, dove la situazione è gravemente precipitata in poche settimane. Mentre nel resto della regione la transizione verso l’auspicabile democrazia sta avvenendo con minori tensioni, l’atteggiamento della leadership libica non sembra essere così conciliante. Mentre…

Leggi

I rischi rimangono elevati

  Forse il motivo principale della debolezza dei mercati azionari è il forte rialzo del petrolio, determinato dalle tensioni in Medio Oriente. Le scommesse rialziste sul petrolio quotato al Nymex, da parte dei Large Speculators (hedge funds e fondi), secondo il Cot report del 1 marzo, hanno raggiunto livelli mai visti. La posizione netta sul…

Leggi

Il solito Trichet

Ormai è una costante, ogni volta Trichet parla a sproposito e fuori tempo, senza sincronia e affinità con il mondo circostante. Nella riunione che si è tenuta lo scorso Giovedì alla BCE Trichet ha dichiarato apertamente che il 7 aprile prossimo rialzerà i tassi. Ci si aspetta un rialzo dello 0,25%. Nel web, su Trichet,…

Leggi